Recensioni

Recensione | Scomparsi, Caroline Eriksson

9788842928348_0_0_300_80

Titolo: Scomparsi
Autore: Caroline Eriksson
Editore: Editrice Nord
Pagine: 324
Prezzo: € 16,90

Trama: Intorno a lei c’è solo silenzio. Greta si sveglia e si rende conto che Alex e Smilla non sono ancora tornati. Erano scesi dalla barca per fare una passeggiata sull’isola che si erge in mezzo al lago Maran, mentre lei era rimasta a bordo a riposare. Ormai però il sole sta sparendo dietro gli alberi, disegnando lingue color sangue nel cielo, l’acqua è fredda e immobile come pietra e Greta non sente né la voce rassicurante di Alex né la risata argentina di Smilla. Scende a terra per cercarli ma, poco dopo, capisce che non sono più su quell’isoletta. Sono svaniti nel nulla. Greta allora torna indietro, nella casa in riva al lago dove stanno trascorrendo qualche giorno di vacanza. Niente neanche lì. E al cellulare di Alex scatta inesorabile la segreteria telefonica. A Greta non rimane quindi che rassegnarsi, raccogliere tutto il suo coraggio e andare alla polizia per denunciare la scomparsa del marito e della figlia. Alla piccola centrale del paesino più vicino, l’accoglie una giovane agente. L’ascolta, fa qualche verifica al computer. E le annuncia che lei non è sposata e che non ha mai avuto figli… Chi sono allora Alex e Smilla? Perché sono scomparsi? E cosa nasconde Greta? Qual è la sua storia? Sta mentendo o è proprio lei l’unica a dire la verità?

Recensione: Scomparsi è un thriller psicologico che racconta la storia di Greta, una giovane donna che si trova in vacanza su un’isola con Alex e Smilla. Quando i due scompaiono nel nulla, Greta si troverà sola, abbandonata e completamente smarrita.

Devo ammettere che la prima parte del libro mi ha lasciata spiazzata, per le prime 100 pagine mi sono chiesta quali problemi affliggessero la protagonista, la quale compieva delle azioni assolutamente fuori dal normale. Tuo marito e tua figlia scompaiono nel nulla su un’isola nella quale non sembra essere presente nessun altro, e tu che fai? Vaghi senza meta, non avvisi nessuno, torni a casa e fai colazione? Niente, inizialmente ho pensato che Greta fosse completamente pazza e si stesse inventando tutto.

Suppongo che la scrittrice volesse proprio questo, lasciare il lettore nel dubbio.

La prima parte del libro è confusa, come confusa è la mente nella protagonista, la quale alterna momenti di apparente lucidità a momenti nei quali sembra perdere di vista la realtà e torna con la mente a eventi traumatici che ha vissuto nella sua infanzia. Fino all’ultimo la protagonista resterà avvolta nel mistero, come anche il suo rapporto con Alex e Smilla, con la madre e il padre deceduto. Nell’ultima parte del libro finalmente, grazie alla comparsa di un nuovo personaggio, si diraderà la nebbia che avvolge tutta la storia e si riusciranno a mettere a posto tutti i pezzi del puzzle, dal quale uscirà un quadro totalmente diverso da quello che era apparso all’inizio del libro.

Una storia di donne e di violenza, di verità non dette e di incredibile forza interiore. 

2 thoughts on “Recensione | Scomparsi, Caroline Eriksson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...