Recensioni

Recensione | Il razzismo spiegato a mia figlia, Tahar Ben Jelloun

9788845233685_0_0_300_75Titolo: Il razzismo spiegato a mia figlia
Autore: Tahar Ben Jelloun
Editore: Bompiani
Pagine: 142

Trama: Un grande scrittore spiegava alla sua bambina di dieci anni che cos’è il razzismo, come nasce, perché è un fenomeno così tristemente diffuso, dando vita a un dialogo capace di trascendere i confini dell’occasione intima e famigliare e porsi come lezione di vita per tutti i lettori. Il suo sommesso e pacato dialogo con la figlia si arricchisce oggi di nuovi elementi: la ricostruzione della storia dell’Intifada, la spiegazione della differenza tra Islam e islamismo, l’analisi dei diversi fondamenti storico-ideologici degli usi e costumi di ebrei e palestinesi. La sua parola d’ordine è: tolleranza.

Recensione: Il razzismo spiegato a mia figlia è stato pubblicato da Bompiani per la prima volta nel 1998 e al suo autore, Tahar Ben Jelloun, è stato conferito dal segretario delle Nazioni Unite, Kofi Annan, il Global Tolerance Award per l’importante messaggio di questo testo. Le pagine di questo libro sono state scritte cercando di dare risposta alle domande e alle riflessioni della figlia dell’autore in merito al razzismo ed è per questo che è scritto sotto forma di dialogo e con un linguaggio molto semplice e diretto.

Tahar Ben Jelloun ha pensato questo libro in chiave pedagogica e l’ha indirizzato principalmente ai ragazzi tra gli otto e i quattordici anni in quanto ritiene che la lotta al razzismo parta dall’educazione e sia più facile educare un bambino piuttosto che un adulto. Attraverso parole semplici l’autore spiega alla figlia cos’è il razzismo e cosa si può fare per combatterlo, personalmente non ho amato tantissimo lo stile di scrittura, cosa che però passa tranquillamente in secondo piano rispetto al messaggio che il testo trasmette. Il libro, come ho detto, è rivolto principalmente ai bambini, dovrebbe essere letto a scuola e in famiglia, ma una sua lettura potrebbe essere utile anche agli adulti che ancora oggi diffidano dello straniero, lo ritengono diverso e causa dei loro mali.

Il razzismo spiegato a mia figlia è un piccolo manuale da comprare, leggere e commentare perché purtroppo il razzismo è ancora diffuso e per cambiare le cose è necessario prima di tutto informarsi, dare il buon esempio e trattare con rispetto il prossimo.

Imparare a conoscersi, a parlarsi, a ridere insieme: cercare di condividere i momenti di piacere, ma anche le pene, fare vedere che spesso si hanno le stesse preoccupazioni, gli stessi problemi, è questo che potrebbe fare regredire il razzismo. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...